Il bombardamento del ponte di Mostar (9 Novembre 1993)

100

Era il mese di Luglio dell’anno 1566 o forse 1567. A Mostar la Neretva scrosciava, verde smeraldo, sotto la finestra spalancata della torre Helebija. Finalmente il caldo torrido aveva mollato la presa nella piana intorno alla città e dalla montagna scendeva una lieve brezza che asciugava il sudore sulla fronte. Gli operai stavano terminando di togliere l’impalcatura al grande ponte voluto dal Sultano Süleyman, il legislatore. Di tanto in tanto, l’architetto Sinan si sporgeva tremante, sicuro che l’opera non avrebbe retto quando l’ultimo puntello sarebbe stato tolto e sarebbe precipitata con uno scroscio immenso nel fiume. Il crollo del ponte sarebbe stata la sua condanna a morte, nonostante le meravigliose costruzioni che lo avevano innalzato alla gloria a Istanbul. Proprio la sua fama di grande costruttore sarebbe stata la sua rovina perché il Sultano aveva preteso da lui un ponte senza precedenti…

continua a leggere…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Viaggi. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...