Passeggiando nella neve sull’Altopiano di Renon

Quanti modi ci sono per scandagliare lo scorrere del tempo?
Marcel Proust ci ricorda che il passato si nasconde in un oggetto materiale che noi non supponiamo, fuori del campo della nostra intelligenza e del suo raggio d’azione. Vuole il caso che incontriamo quest’oggetto prima di morire, o che non lo incontriamo mai. Il passato non è la storia, non è racconto; è saldatura di ciò che è stato e di ciò che è. È consapevolezza che emoziona, che rivitalizza il ricordo e lancia promesse nel futuro.
A questo pensavo l’altro ieri mentre passeggiavo nel bosco con Maria Grazia, la mia compagna di vita, e con Ester, la piccina di casa coi suoi ventitré anni, lungo un sentiero innevato verso Bad Siess sull’Altopiano del Renon.
È stato l’incontro con un larice spoglio in mezzo alla radura a sollevare il sipario. L’albero se ne stava lì, rosso di corteccia e di aghi secchi, sullo sfondo di neri pini che oscuravano l’orizzonte. Senza pensarci, ho chiesto “Che albero è, Ester?” E per un momento avevamo entrambi vent’anni di meno , io orgoglioso di indicare il mondo a mia figlia e lei compiaciuta di compiacermi. È durato poco, ma sono sicuro di non averlo fatto da solo quel viaggio nel tempo.
Poi, abbiamo incrociato una mandria di cavalli avelignesi che scorrazzavano e si rotolavano nella neve come bambini al mare. I più ardimentosi si avvicinavano timidi e scartavano rumorosi appena ci muovevamo fra gli alberi; altri sostavano immobili apparentemente indifferenti ruotando la testa sul collo per non perderci di vista; i più brucavano indifferenti le eriche, ma bastava un passo perché si spostassero di un braccio a riprendere la piluccatura.
Lontano, al di là della Valle dell’Isarco, ci osservavano Sassolungo e Sassopiatto, Scilliar, Catinaccio e Latemar. Risplendevano nella neve e mi chiamavano come vecchi amici con i quali si sono passate avventure formidabili, rivedendo i quali non puoi che sorridere pensando a quanto è bella la vita e sperare che non passi troppo presto.

IMG_2740

IMG_2741

IMG_2767

IMG_2792

IMG_2802

IMG_2805

IMG_2835

IMG_2839

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Dolomiti, Mototurismo, Turismo in moto, Viaggi, Viaggi in moto e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Passeggiando nella neve sull’Altopiano di Renon

  1. Valter ha detto:

    Condivido, é proprio uno spettacolo. A volte basta veramente poco, due passi nella natura con le persone care vicino …in qualsiasi stagione 🙂

  2. Max510 ha detto:

    Mamma mia Giulio, che spettacolo ci narri e ci mostri !
    Di foto splendide mi hai abituato, ma queste… sarà l’ambientazione che adoro, ma sono pazzesche !
    Proverò pure io a fare qualche scatto in raw, ma poi mi devi insegnare a sviluppare… 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...