La Strada del Vino dell’Alto Adige

Il giorno nasce con la luce livida delle cattive notizie. L’amico di un amico è caduto, e con lui la compagna, senza ragioni apparenti: gli si è chiuso il manubrio e sono volati; fortunatamente, se la sono cavata senza danni gravi.
Questi sono gli incidenti che ti lasciano disarmato. Puoi contare sull’attenzione e sulla prudenza per evitare scontri o scivolate sull’asfalto sporco, ma di fronte alla rottura imprevedibile della motocicletta come ti puoi cautelare?
Non dico nulla a Maria Grazia e partiamo. Il cuore è un po’ pesante, ma si alleggerisce appena si palesano i bastioni che rinserrano l’Adige alla “Chiusa di Ceraino”. Non è prestissimo, ma la strada è tutta per noi. Fino ad Ala curve e controcurve si rincorrono consentendo un’andatura allegra senza strappi e forzature. Procediamo nell’ombra mentre sulla sinistra la val d’Adige è illuminata da un sole incerto, sufficiente tuttavia ad accendere il verde di alberi e prati. Dopo Ala, lunghi rettilinei ci avvicinano a Rovereto.
Prendiamo l’autostrada perché ora la statale obbliga alla lentezza o all’imprudenza e in un fiato siamo a San Michele all’Adige. Il sole ha preso coraggio e riscalda l’aria e il cuore. Dal casello ci dirigiamo a Mezzocorona e da lì a Roverè della Luna; la prospettiva è inconsueta perché siamo abituati a percorrere la strettoia di Salorno sull’altro versante e il panorama intorno alla strada un po’ desolato a causa dei numerosi sbancamenti sul fianco della montagna. A Cortina inizia la Weinstrasse in un trionfo di viti e di meli in fiore e la seguiamo nel suo errare fra un borgo e l’altro: Malgreid, Niclara, Kurtatsch.
A Corteccia abbandoniamo per un po’ la strada di fondovalle e ci inerpichiamo verso Hofstat e i masi più alti lungo ripidi tornanti; ad ogni svolta la vista si allarga sul gruppo del Lagorai e sulla Val d’Adige, pozze di luce verde-azzurra sullo sfondo del cielo calcinato. Dopo un boschetto di faggi luminosi, la strada si perde in un viottolo sassoso e giriamo la moto. Col motore al minimo per non disturbare la calma sospesa che ci ha intriso, scendiamo di nuovo a Kurtatsch e riprendiamo la strada per Termeno e Caldaro.
Alla Kalterer Kellerei, vicino alla Vecchia Stazione di Caldaro, è stata allestita una festa tradizionale e curiosiamo fra i banchetti. Non ci attrae il gulasch né il wurstel con le patate fritte, ma piuttosto l’offerta dei formaggi e dello speck di un maso. Un pane di segale e due bicchieri di Gewurztraminer ci fanno compagnia sotto l’ombra di un ombrellone insieme alla musica dei corni alpini e allo Schuhplattler.
Dirigiamo ora la nostra corsa verso Ora e verso la Val di Fiemme per raggiungere la Val di Cembra mai percorsa in tutta la sua lunghezza. Scegliamo il versante di Segonzano e con bella corsa giungiamo in Valsugana.
È ora di tornare a casa, ma dopo una giornata di strade di campagna non abbiamo voglia di immergerci nella concitazione della tangenziale di Trento e dunque ci allunghiamo fino a Caldonazzo e da qui su a Vigolo Vattaro per scavallare di nuovo in Val d’Adige all’altezza di Mattarello. Senza fretta, scendiamo la strada che avevamo percorso al mattino e, restii a chiudere la giornata, a Peri ci arrampichiamo per la decina di tornanti che conducono all’altopiano dei Lessini e giù a casa.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Strada del vino, Viaggi. Contrassegna il permalink.

6 risposte a La Strada del Vino dell’Alto Adige

  1. Gabriele ha detto:

    i miei complimenti…. bel report e strada a dir poco favolosa….

  2. Zivas ha detto:

    Mi pare che la val di Cembra l’ho percorsa, ma non ne sono sicuro al 100% perchè il nostro amico e guida di Trento era davanti e mi sono preoccupato di seguire lui che ha un passo…diciamo allegro 🙂
    In ogni caso ogni volta che vedo foto di quei posti mi viene una gran voglia di trasferirmi…se l’inverno non fosse così lungo da quelle parti!

    Grazie di questo ‘assaggio’, Giulio. 🙂

  3. toscanoIGT ha detto:

    Grande Giulio , luoghi che in parte conosco , la Val di cembra un po meno ..comunque è prima della Val di Fassa ??

    O.T. : il corso lo fai ?? e posso vengo il venerdì pomeriggio ..giovedì ti chiamo .

    ToscanoIGT ( alias Marco .. o viceversa )

  4. noolyta ha detto:

    che bello, questo post mi ricorda i luoghi dove sono andata in vacanza per una vita…la tavola con pane e formaggio poi è bellissima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...