Costa dalmata, Giugno 2009

Sognavamo la litoranea fino a Dubrovnik, ma il nostro giro si è arenato a Senj. La sera, il tramonto nel “fiordo” di Bakar (Buccari) era un’esplosione di colori; ma già durante la cena, le stelle una ad una svanivano ed il cielo si faceva nero. Il mattino successivo, il mare era ardesia e la costa una sfumatura appena più scura. Indossate le tute da acqua, siamo partiti, ma appena ci siamo affacciati fuori dal golfo, il vento ci ha aggredito come un teppista allo stadio. Faticosamente abbiamo raggiunto Senj e lì ci siamo fermati a guardare  il mare che ribolliva di schiuma bianca. Anche il giorno dopo la bora non dava tregua, ma di restare ancora non se ne parlava proprio e tenendo marce basse e motore su di giri abbiamo percorso quella cinquantina di chilometri necessari ad arrivare all’imbarco del traghetto per l’isola di Arbe (Rab). La strada vuota non ci incoraggiava, ma almeno non correvamo grandi rischi quando la raffica ci spostava con violenza di lato. Ad Arbe il vento era sopportabile e ci siamo fermati due giorni in attesa del bel tempo che non è arrivato. Scoraggiati, abbiamo desistito dal nostro programma e siamo ripartiti verso nord in cerca della schiarita che le previsione meteo promettevano. Traghetto da Arbe a Veglia (Krk) e da Veglia a Lussino (Losini).  Le isole del Quarnaro sono tutte belle, ma Lussino è speciale e con la moto, stupenda. La strada che attraversa l’isola è una bella corsa sulla dorsale ed il panorama spazia sui due versanti. La nebbia che abbiamo incontrato nel punto più alto, fa dimenticare di essere al mare… in alto volteggiavano due aquile. I paesini sono piccoli e tranne Mali Losinj, occorre andarci perché lo si è scelto. Da Otor, una stradina di venti chilometri nella macchia mediterranea conduce a Punta Kriza con un saliscendi nel nulla e nei profumi del mediterraneo. Giorno dopo giorno la bora è scemata, ma il tempo è rimasto fresco e la vacanza al mare si è trasformata in un tour gastronomico.


Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Viaggi. Contrassegna il permalink.